IMMAGINE PER HOME PAGE

HAI BISOGNO DI AIUTO PER ISCRIVERTI? LEGGI LE ISTRUZIONI

ISCRIVITI ALLA MAILING LIST

Enter your email address:Delivered by FeedBurner

TUTTI GLI ARTICOLI

Puoi leggere qui tutti gli articoli di ctsfano.it

 

CTSFano.it

Supporto, guide e software per gli alunni, i genitori e gli insegnanti della provincia di Pesaro e Urbino per orientarsi nel mondo della scuola, dell’inclusione, dell’informatica.

Sportello Online

Creative Commons

I materiali su questo sito sono stati creati dagli Operatori del CTS e del Gruppo Tecnico Provinciale Spider e sono liberamente fruibili (tranne dove è specificato un copyright) secondo licenza Creative Commons.

 

L’impianto cocleare e la “CULTURA SORDA”.

Una storia sul duplice status della sordità (disabilità e identità culturale) racconta la complessità di un lungo dibattito, e le sue implicazioni per alcuni genitori.

Derek e Christine Reid sono i genitori di Ellie, una bambina di tre anni e mezzo con una sordità profonda la cui diagnosi è stata ipotizzata dopo un test uditivo, nei primi giorni di vita di Ellie, e confermata con un esame più approfondito tre settimane più tardi. Si ritiene che oltre il 90 per cento delle persone nate con questo genere di deficit sensoriale abbia genitori con un udito normale, come nel caso dei Reid. In seguito alla diagnosi, e a fronte dell’inefficacia delle protesi acustiche per il caso di Ellie, i Reid hanno dovuto prendere in tempi relativamente stretti una decisione che si pone per tutti i genitori nella loro situazione: se sottoporre Ellie a un intervento chirurgico per impiantare una coclea artificiale, e poi pianificare un trattamento logopedico per l’apprendimento della lingua scritta e parlata; o se considerare da subito la lingua dei segni – a loro completamente sconosciuta – la lingua “naturale” destinata a Ellie; o se provare a fare entrambe le cose, seguendo un modello “bilingue”.
continua la lettura su http://www.ilpost.it/

UniBari. Prima APP per non vedenti.

Dare la possibilità ai non vedenti di accedere al portale dell’Università di Bari da qualsiasi dispositivo mobile in maniera veloce e autonoma: è il progetto ‘Strillone’ avviato dall’ateneo di Bari, primo in Italia, con il supporto della rete pugliese della onlus Isf, Informatici senza frontiere e Leo club 108, presentato a Bari.
L’accesso, guidato da una sintesi vocale, è semplificato e basato sulla ripartizione in 4 aree dello spazio funzionale dello schermo touchscreen.

FLIPPED LEARNING

capovolta-1rUn invito ai docenti che vogliono cominciare a … capovolgere!

LIBRI ACCESSIBILI

Torino. OpLab. Osservatorio permanente Libri Accessibili per bambini.
Dal 14 al 18 maggio torna il Salone del libro di Torino. Con l’occasione segnalo OpLab. Attività sui libri «accessibili» a tutti: libri tattili, in Braille, audiolibri, in Comunicazione Aumentativa…: 35 diverse occasioni per mettersi nei panni di chi vede e percepisce la lettura in modo diverso. E per vederli, toccarli, provarli è allestita la mostra Vietato non sfogliare, dedicata ai migliori e più recenti libri accessibili dedicati all’infanzia. Curato da AREA onlus.
INFO: http://www.salonelibro.it/it/

Piattaforma EDU: novità

La Piattaforma EDU è un ambiente di apprendimento online in fase di realizzazione che aiuterà gli studenti a scoprire un metodo di studio adatto a loro grazie ad esercizi interattivi da eseguire online.

La Piattaforma EDU è uno strumento gratuito, creato dal CTS di Fano per alunni, genitori e insegnanti, ed è stata presentata lo scorso 29 novembre al 3° Convegno Nazionale DIDATTICA E INCLUSIONE SCOLASTICA.

Il 17 novembre scorso la Piattaforma EDU e il Metodo di Studio Universale sono stati oggetto di una  videoconferenza per Essediquadro che vi proponiamo:

 

 

Load More